Deprecated: Implicit conversion from float 268.5851318944844 to int loses precision in /home/customer/www/aamisa.org/public_html/administrator/components/com_slideshowck/helpers/helper.php on line 233

Deprecated: Implicit conversion from float 268.9075630252101 to int loses precision in /home/customer/www/aamisa.org/public_html/administrator/components/com_slideshowck/helpers/helper.php on line 233

Deprecated: Implicit conversion from float 268.5851318944844 to int loses precision in /home/customer/www/aamisa.org/public_html/administrator/components/com_slideshowck/helpers/helper.php on line 233

Deprecated: Implicit conversion from float 268.5 to int loses precision in /home/customer/www/aamisa.org/public_html/administrator/components/com_slideshowck/helpers/helper.php on line 233

Deprecated: Implicit conversion from float 268.5851318944844 to int loses precision in /home/customer/www/aamisa.org/public_html/administrator/components/com_slideshowck/helpers/helper.php on line 233

Deprecated: Implicit conversion from float 268.5 to int loses precision in /home/customer/www/aamisa.org/public_html/administrator/components/com_slideshowck/helpers/helper.php on line 233

Deprecated: Implicit conversion from float 268.5851318944844 to int loses precision in /home/customer/www/aamisa.org/public_html/administrator/components/com_slideshowck/helpers/helper.php on line 233

 "La vita è un dono bellissimo ed è un bene; 

va vissuta pienamente con gioia, serenità, responsabilità, insieme agli ALTRI".

Padre Sébastien Sasa N.B.

 L'associazione Amici di Sasa ODV è iscritta al RUNTS

Le donazioni sono interamente devolute per la realizzazione dei progetti e le adozioni a distanza.

powered by social2s

Riportiamo dal sito "France 24"

© John Wessels, AFP | I manifestanti cattolici chiedono al presidente Joseph Kabila di dimettersi il 31 dicembre a Kinshasa.

Testo di NEWS WIRES

Ultimo aggiornamento: 2018-01-03

Il bilancio delle vittime di un giro di vite per le manifestazioni di Capodanno nella Repubblica Democratica del Congo è salito a 12, hanno detto i manifestanti martedì, poiché la potente Chiesa cattolica del paese ha condannato quella che chiamava "barbarie" e l'ONU e la Francia hanno espresso preoccupazione.

"Undici persone sono morte a Kinshasa e una a Kananga", ha detto a AFP Jonas Tshombela, portavoce degli organizzatori della protesta.

I gruppi cattolici e di opposizione di domenica hanno sfidato il divieto di manifestare chiedendo che il presidente Joseph Kabila - al potere dall'assassinio di suo padre nel 2001 - lasci l'ufficio.

 

Sono stati accolti da una repressione mortale da parte delle autorità, che hanno sparato gas lacrimogeni in chiese e proiettili nell'aria per rompere i raduni.

Un giornalista dell'AFP durante una manifestazione nella città centrale di Kananga ha visto un uomo sparato al petto da soldati che hanno aperto il fuoco contro i fedeli.

Le proteste si sono svolte nel primo anniversario di un accordo negoziato dalla Chiesa in base al quale Kabila avrebbe dovuto lasciare l'incarico nel 2017 dopo nuove elezioni.

Da allora, il sondaggio è stato posticipato al dicembre 2018. Le potenze occidentali hanno accettato il ritardo con riluttanza, sperando di evitare spargimenti di sangue e di favorire la stabilità in questo vasto e instabile paese dell'Africa centrale.

In contrasto con il bilancio dei manifestanti, le Nazioni Unite hanno dichiarato in una dichiarazione che "almeno cinque persone" sono state uccise, diverse ferite e più di 120 arrestate.

Il portavoce della polizia, il colonnello Rombaut-Pierrot Mwanamputu, ha affermato che "nessun decesso" si è verificato nel contesto delle manifestazioni.

Domenica scorsa, aveva detto che tre civili - "ladri" e "saccheggiatori" - erano stati uccisi, in incidenti accaduti lontano dalle proteste. Le autorità della RDC affermano anche che un poliziotto è stato ucciso quando una stazione di polizia è passata sotto "attacco".

Rabbia della Chiesa

L'arcivescovo cattolico di Kinshasa, Laurent Monsengwo Pasinya, ha rilasciato una dichiarazione arrabbiata, dicendo che le marce erano state "pacifiche e non violente".

"Possiamo solo denunciare, condannare e stigmatizzare il comportamento dei nostri uomini presumibilmente coraggiosi in uniforme, che, tristemente e non più o meno, stanno incanalando la barbarie", ha detto.

L'episcopato, radunando i vescovi del paese, ha dichiarato che "atti vili" sono stati commessi.

"La libertà di culto, garantita in ogni stato democratico, è stata assalita, le chiese sono state profanate e membri dei fedeli, compresi chierichetti e preti, sono stati aggrediti fisicamente", ha detto, chiedendo una "indagine seria e obiettiva".

La rete internet è stata ripristinata martedì tre giorni dopo che il ministro delle telecomunicazioni Emery Okundji ha ordinato agli operatori mobili di tagliare servizi Internet e SMS "per ragioni di sicurezza dello stato".

Nella sua dichiarazione, l'ONU ha ribadito il suo appello a "tutti gli attori congolesi" per aderire all'accordo del 31 dicembre 2016: "l'unica via percorribile per lo svolgimento delle elezioni, il trasferimento pacifico del potere e il consolidamento della stabilità nella RDC ".

Anche la Francia ha espresso preoccupazione per la violenza e il calendario elettorale, affermando che il diritto alla protesta pacifica "è una componente essenziale della democrazia".

Nonostante le pressioni provenienti dall'estero, le autorità sembrano intenzionate a perseguire una repressione, allagando città con polizia e truppe ogni volta che l'opposizione cerca di fare uno spettacolo di forza, dicono gli analisti.

Le ultime dimostrazioni su grande scala si sono svolte a luglio 2016, quando il veterano leader dell'opposizione, Etienne Tshisekedi, morto a Bruxelles l'anno successivo, è tornato a casa.

"Il dispiegamento di polizia, esercito e equipaggiamento militare mira a scoraggiare le persone tentate di uscire e manifestare", ha detto l'analista congolese Jacques Wondo.

Ma "questa repressione ha i suoi limiti", ha detto, sostenendo che a lungo termine, il costo di questa operazione su vasta scala avrebbe messo a dura prova le casse del governo.

Vital Kamerhe, a capo del terzo più grande partito di opposizione in parlamento, ha sostenuto che la presenza di sacerdoti nelle manifestazioni di domenica ha mostrato che il movimento di protesta era entrato in "marcia più alta".

"Noi (i gruppi di opposizione) dobbiamo riunirci e stabilire una nuova strategia, nell'unità", ha detto all'Afp.

"Ad ogni passo dobbiamo emendare i nostri errori, dobbiamo andare a frotte di fronte a questi mercenari", ha detto riferendosi alle forze di sicurezza.

Created by: Michele D.P.